Taleggio DOP

taleggio dopIl taleggio deve il suo nome all'omonima valle delle Orobie. L'origine di questo formaggio molle da tavola si colloca tra il X e l'XI secolo. Prodotto esclusivamente con latte vaccino intero, il taleggio è un formaggio a pasta cruda.
L'area di produzione copre diverse provincie lombarde, tra cui la bergamasca, e alcune zone delle regioni adiacenti.
Le caratteristiche che contraddistinguono il taleggio DOP sono: crosta sottile e morbida, di un naturale colore rosato; pasta fondente e di colore paglierino nelle zone sottostanti la crosta, più consistente, friabile e bianca al centro, priva di occhiatura.
Il marchio d'origine del taleggio viene apportato nella fase della stufatura e consiste in quattro cerchi disposti a forma di quadrato, tre dei quali contengono una "T” maiuscola.

Il sapore di questo latticino, dolce e delicato, solo leggermente aromatico, consente di accompagnarlo a qualsiasi tipo di verdura. Il taleggio è molto utilizzato in cucina: non manca nei primi conditi ai 4 formaggi, ed è un ottimo ingrediente per quiche e torte salate, sformati e creme.

Nel corso della storia il taleggio ha ricevuto diversi riconoscimenti: l'appellativo di "formaggio tipico" è datato 1955. Ben 33 anni dopo un apposito decreto lo ha elevato a Formaggio con Denominazione di Origine Controllata. Più di recente, nel 1996, il taleggio è stato decretato "DOP", cioè con Denominazione di Origine Protetta.

ViviSulSerio è un portale web che, per il suo funzionamento, non può prescindere dall'utilizzo dei cookies, piccoli file impiegati per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti, consentire l'interazione con i social network, gestire i dati statistici di accesso al sito, ecc. La recente normativa EU Cookie Law obbliga i siti web a pubblicare un avviso come questo per avvertire gli utenti dell'utilizzo dei cookies. Se lo desideri, puoi approfondire il tema consultando la nostra pagina privacy policy, oppure puoi proseguire la navigazione facendo clic su OK!